Mondo Abilità

Il Blog di Altravoce Onlus
12
Lug

Donare intelligenza

“I bambini disabili nascono due volte” scriveva Giuseppe Pontiggia. Secondo lui devono imparare a muoversi in un mondo per loro più difficile – che identifica come prima nascita – per poi rinascere quando le persone che li circondano donano loro amore e intelligenza.

Credo sia un pensiero che meriti di essere analizzato.

Dal mio punto di vista, tutti bambini hanno bisogno del sostegno e dell’aiuto amorevole delle persone che li circondano per affrontare la vita; non c’è dubbio che per chi ha una disabilità è ancora più difficile prendere le adeguate misure. Alcuni passaggi che per un bambino senza difficoltà avvengono naturalmente e in autonomia, per colui che ha dei limiti oggettivi, è assolutamente necessario un aiuto reale, concreto; oserei dire sostanzioso.

Cosa significa per un genitore donare amore e intelligenza?

Per rispondere a questa domanda non posso fare altro che usare come termine di paragone la mia famiglia, perché mi ritengo davvero un figlio fortunato.

Fin da piccolo mi sono sempre sentito amato. Mia madre e mio padre hanno sempre considerato la mia nascita un dono, non ho mai avuto nemmeno la percezione di essere un peso, un errore, uno scherzo del destino, un figlio “sbagliato”. La mia disabilità non è mai stata un fattore di allontanamento, ma anzi ci ha uniti ancora di più. Ogni mio traguardo, anche piccolo (che oltretutto non potrei raggiungere, senza il loro aiuto), è accolto con grande gioia ed entusiasmo.

Perciò, ecco per un genitore, dare amore, vuol dire:

  • Considerare il proprio figlio come un dono: nessun tipo di handicap deve mettere in discussione questo verità. Dobbiamo considerarlo un principio fondamentale.
  • Dargli sempre un aiuto concreto.
  • Non fargli mancare mai la stima: un genitore deve far sentire sempre al proprio figlio quanto sia fiero di lui, specialmente quando le difficoltà sono maggiori per raggiungere degli obiettivi.

Mi piace molto l’idea di donare intelligenza. Nel caso di un bambino con disabilità è fondamentale imparare subito ad avere una visione chiara della propria realtà, per poter affrontare con gli strumenti giusti le sfide che la vita gli metterà davanti. Alla base di questo c’è senza dubbio il prendere consapevolezza ed accettare i propri limiti; solo dopo questo passaggio sarà possibile cominciare a vivere realmente, perché si avrà la possibilità di andare oltre. Anche se i limiti rimarranno, si capirà che ci sono tantissime altre possibilità per avere un’esistenza piena e ricca di soddisfazioni.

Questo passaggio non è possibile se non con l’aiuto della famiglia.

Vi faccio un esempio che vi farà sorridere: da bambino, per un certo periodo avevo l’idea che da grande avrei fatto il chirurgo.

I miei a un certo punto, mi hanno spiegato che in quell’ambito è necessario avere un’ottima manualità e che forse non era proprio indicato per me. Non si sono fermati a questo però, mi hanno subito fatto notare, che in ogni caso, se io avessi voluto, esistevano molti rami della Medicina, che avrei potuto perseguire senza alcun problema.

Perciò, donare intelligenza significa:

  • Aiutare il proprio figlio a prendere consapevolezza e ad accettare i propri limiti.
  • Arrivare a far comprendere i limiti attraverso il ragionamento. Un conto è dire: “Tu non puoi farlo perché non sei in grado! (modalità distruttiva); un altro è dire: “Ti aiuto a comprendere le motivazioni oggettive di questa incapacità ma nel frattempo troviamo ciò che sai fare“.
  • Andare oltre: cioè scoprire insieme al proprio figlio, tutto ciò che di bello ed importante può riuscire a fare anche i suoi limiti.

Infine, cosa vuol dire per un figlio ricevere amore e intelligenza?

Significa imparare a propria volta ad amare la vita e a dare sempre il massimo per non sprecarla. I limiti in questo modo, non diventano alibi, ma stimoli in più per dare del proprio meglio.

Luca Dalla Palma

You are donating to : Altravoce Onlus

How much would you like to donate?
€10 €20 €30
Would you like to make regular donations? I would like to make donation(s)
How many times would you like this to recur? (including this payment) *
Name *
Last Name *
Email *
Phone
Address
Additional Note
Loading...